Chanson de Roland: trama e storia dell'opera

Pubblicato il da Matt

LEGGI MARCUS WINTER GRATIS

La Chanson de Roland è una Chanson de geste (Canzone di gesta) scritta intorno alla seconda metà dell'anno mille d.C. L'opera si compone di 4002 décasyllabes (ensecasillabi) ed è scritta in lingua d'oil. La Canzone è considerata un capolavoro della letteratura medievale francese, facente parte del ciclo carolingio. Storicamente la battaglia di cui racconta avvenne veramente nelle gole pirenaiche di Roncisvalle ma contro i predoni baschi e non, come è scritto nell'opera, contro i musulmani.

Trama

I francesi di ritorno dalla campagna militare di Spagna superano indenni lo stretto passo di Roncisvallle, mentre i saraceni, appostati, attendono il passaggio della retroguardia di Carlo Magno, capitanata dal prode paladino Orlando (francese: Roland). I saraceni attaccano, e Orlando combatte con il consueto furore. Sebbene il fedele Oliviero inviti Orlando, ancor prima di entrare in battaglia, a suonare l'olifante (corno cavo ricavato da una zanna di elefante), richiamando così il grosso dell'esercito francese, l'eroico e sprezzante paladino rifiuta l'invito, convinto di sbaragliare le forze nemiche. Dopo un lungo combattimento, però, Orlando suona finalmente per tre volte l'olifante, ma le forze saracene hanno oramai preso il sopravvento. Carlo Magno appena ode il suono del corno di Orlando inverte la marcia, sebbene il subdolo consigliere Gano di Magonza, avendo in odio il figliastro Orlando, tenti di dissuaderlo. Orlando, insieme ad altri due paladini, è oramai morente ma tenta, invano, in un ultimo tragico atto di fierezza, di distruggere la sua spada Durlindana.

Ormai privo di forze Orlando, congiunte le mani al petto, muore. Carlo Magno arriva di gran carriera, sbaraglia i nemici e insegue i sopravvissuti, finché non li costringe a tentare il guado del fiume Ebro, che li inghiotte tra i flutti.

Il capo dei Saraceni Marsilio riesce a fuggire e si toglierà la vita dopo che Carlo Magno sconfiggerà l'emiro Baligante, conquistando Saragozza. Gano viene processato e alla fine verrà giustiziato.

La Chanson de Roland si conclude con Carlo Magno, oramai bicentenario.

Il Re, dopo l'apparizione dell'arcangelo Gabriele, parte per una nuova impresa contro i Saraceni che assediano Infa governata dal re Viviano.

Cenni storici

La Chanson de Roland canta della storica battaglia di Roncisvalle, avvenuta più di due secoli prima (15 agosto 778), quando la retroguardia di Carlo Magno, comandata dal paladino Roland (Orlando), di ritorno da una spedizione in Spagna, fu attaccata e sterminata dai baschi, che depredarono il bottino di Carlo Magno, conquistato durante la campagna militare in Spagna.

Storicamente nell'imboscata caddero Il conte palatino Roland, Il conte palatino Anselmo e Il siniscalco Eginardo.

1 Sponda di carretto siciliano raffigurante una battaglia di paladini,

Con tag Letteratura

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post